Gruppo polifonico madrigalisti senesi

Il Gruppo Polifonico Madrigalisti Senesi fu fondato nel 1950 dal Conte Guido Chigi Saracini, senese, grande mecenate del panorama musicale italiano, con lo scopo di promuovere la diffusione della musica polifonica italiana e straniera. I madrigalisti dell'Accademia Chigiana, questo il nome originario, erano diretti dall'allora celeberrimo Maestro Morosini e sostenuti economicamente dal Conte, che ne organizzava i concerti a scopo didattico e di beneficenza. Nel 1960 si avvicendò alla direzione il Maestro Giordano Giustarini che guidò il coro, rinominato semplicemente Madrigalisti Senesi, per più di un trentennio. Dal 1992 la direzione del compesso è stata assunta dal Maestro Elisabetta Miraldi.

Il gruppo è specializzato nello studio della polifonia rinascimentale sacra e profana, ma si dedica comunque ad un ampio repertorio, che spazia dal canto gregoriano alla lauda, dalla polifonia classica antica, alla coralità romantica, moderna e contemporanea.

Esclusivamente formato da dilettanti, il coro svolge intensa attività didattica e concertistica, sia in Italia che all'estero. È il Coro a Cappella della Basilica Cateriniana di S.Domenico in Siena, dove svolge attività di accompagnamento musicale alle cerimonie più solenni.

I Madrigalisti Senesi hanno effettuato tournée concertistiche in Europa (in Germania da Monaco e Garmisch, a Landshut e Berlino; in Spagna a Barcellona e Madrid; in Francia ad Avignone e in Provenza, in Corsica a Bastia e Calvi) e negli Stati Uniti d'America, a New York. Hanno inoltre partecipato al Festival Internazionale di Canto Corale a Manila, nelle Filippine, come coro rappresentante l'Italia. Innumerevoli le partecipazioni a Festival e Rassegne, tra cui i Festival Internazionali di Barcellona, Bastia, Bordeaux, il Festival di Spoleto, il Festival delle Marche a Iesi e il Festival Internazionale delle Arti Barocche a Genova.

Nel novembre del 2005 hanno effettuato una tournée in Francia e nell’ottobre del 2007 hanno visitato l’Austria e la Repubblica Ceca, contribuendo a promuovere il Rinascimento Musicale Italiano all’estero e riscuotendo lusinghieri consensi di pubblico e di critica.